#beautifulplanett

137,508 posts

Loading...
📷 @yamaguchimiyu 📍 #Positano ⠀ Buongiorno ragazzi, se siete ammaliati dalla Costa Amalfitana, non potete non desiderare di visitare almeno una volta nella vita questo posto straordinario. Positano è un antico borgo marinaro, divenuto una delle più eleganti e note stazioni climatiche della Costiera Amalfitana, che sorge in una stupenda e suggestiva posizione panoramica lungo uno dei tratti costieri più belli della penisola sorrentina, e precisamente al centro della baia tra Punta Germano e Capo Sottile. Tutt’attorno, da corona, si erigono i verdeggianti Monte Comune, Santa Maria del Castello, S. Angelo a tre Pizzi, Canocchia, Campo dei Galli e Paipo.  Il suo abitato, unico nel suo genere perché concepito su asse verticale, si arrampica, in un’incredibile piramide, su un contrafforte dei Monti Lattari, adagiandosi a ventaglio su splendide terrazze che degradano in una cala romantica, conferendole la caratteristica fisionomia di un presepe: un sogno seducente di piccole case bianche addossate l’una sull’altra e sospese tra mare e cielo, di oasi di palme orientali, di macchie e agrumeti nei caratteristici terrazzamenti, quasi a sfidare la forza di gravità; e poi il mare blu cobalto che riesce sempre a rinnovarsi inventando nuovi ricami tra rocce a strapiombo che vanno a fondersi con arenili scuri e finissimi. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy
Pass this bridge from the hilly Buda over the river Danube and be in the flat Pest - magnificent Budapest!
Aquele clássico 👌🏻🚲🧡🍺🇳🇱
Amsterdam continua linda! Viemos em 2014 e de lá pra cá só melhora!! Tem muita coisa no Story... essa foi nossa primeira parada! Esse bar tem mais de 40 torneiras de cervejas artesanais e o visual nem se fala 😍🍺👌🏻✈️ 🇳🇱
O que vocês estão fazendo de bom hoje? Eu queria estar boiando na Sardenha 💕💕 Na coleção de boias, agora temos essa das fotos, a cama rosa e o flamingo... mas tô doida por uma pizza e melancia rsrs... e Vocês, se pudessem ter uma boia, qual escolheriam? ⠀ . Essas fotos foram do passeio que fizemos a partir de Cala Gonone! Muito azul, muitas praias lindas... A nossa preferida foi a Cala Mariolu! Mas são várias e todas espetaculares!! 💙💙💙 ⠀ . Vejam mais dicas em #apaixonadosporViagensEurotrip18 ⠀ . #Europa #Sardenha #sardegnaofficial #QueroViajarMais #Sardinia #destinosesonhos #vocenooff #destinosimperdiveis #sobrelugares #euvounajanela #beautifuldestinations #beautifulplanett #greatesttravels #revistaqualviagem #braroundtheworld #missãoVT #viagemeturismo #amazingdestination #tripadvisor #dicasdeviagem #viagemestadao #revistaadv #sourbbv #revistaviajar #bestplacestogo #revistaviajarmais #wonderful_places #mundomeiodia
📸 @_pol 📍 #Matera ⠀ Girare per Matera è come rivivere in un passato dimenticato. Quando si visita questa suggestiva città lucana la sensazione è quella di entrare in un presepe. Non a caso Matera è detta anche "la seconda Betlemme", ed è stata l’ambientazione di film come The passion di Mel Gibson e Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini. Negli anni cinquanta, quando la popolazione che viveva nelle grotte scavate dentro la montagna fu costretta ad abbandonare quelle abitazioni per insediarsi in quartieri moderni, nessuno avrebbe mai pensato che quelle grotte, i “sassi”, sarebbero divenuti il simbolo di una città che rinasce. Nel 1993 l'Unesco ha inserito i "Sassi" di Matera nella world heritage list, in quanto "esempio di sistema di vita millenario da preservare e tramandare ai posteri". Più precisamente il riconoscimento fatto alla città è quello di essere "un modello di vita in equilibrio con l'ambiente, con cui si integra senza stravolgerlo, pur sfruttandone le risorse". I geologi la chiamano “calcarenite”, la gente comune la chiama tufo: è la roccia che circonda Matera e che i maestri artigiani di questa terra hanno imparato a lavorare in tempi antichissimi. Il materiale, friabile e adattabile, viene offerto in gran quantità dalla montagna che domina la città, così alla gente di Matera sembrò normale andare lassù e scavare in quella roccia per costruirsi una casa. Il materiale che veniva estratto, era lavorato per diventare la facciata dell’abitazione. 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy #matera
📷 @queenofjetlags 📍#positano ⠀ Il nome Positano ha un’origine affascinante legata alla leggenda della Madonna Assunta. Si narra che nel medioevo un veliero che navigava lungo la costa si fosse fermato a causa di una improvvisa bonaccia proprio di fronte alla spiaggia di Positano. I marinai tentarono con tutta la loro esperienza di far ripartire la nave, ma i loro sforzi risultarono vani a causa della mancanza di vento. A quel punto udirono una voce proveniente  da un’icona bizantina della Madonna Assunta che trasportavano a bordo e che diceva “posa, posa, posa,…”, cioè fermati in quel posto (da cui il nome) . Il capitano interpretò il miracolo come la manifestazione della volontà della Madonna di restare in quelle terre ed ordinò ai suoi uomini di fermarsi; subito dopo il vento tornò a soffiare e così poterono dirigersi verso la spiaggia di Positano. Lí consegnarono l’icona ai Positanesi, che accolsero il dono con grande gioia edificando una chiesa nei pressi della spiaggia, nel punto in cui l’icona della Madonna Assunta si era prodigiosamente spostata da sola nel cuore della notte. Infine una curiosità, al largo di Positano i tre isolotti de Li Galli furono detti "le Sirenuse" per le leggende che li circondavano come rifugio delle sirene incantatrici. 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy #positano
📷 @nicoladongo 📍 #ForteDiBard ⠀ Già agli inizi del VI secolo d.C. esisteva a Bard una guarnigione composta da sessanta armati che difendevano le cosiddette “Clausuræ Augustanæ”, il sistema difensivo costituito per proteggere i confini dell’Impero. Nel 1034 tale sistema fu definito “inexpugnabile oppidum”, ed è questo uno dei più antichi riferimenti ad un castello in Valle d’Aosta. Nel 1242 entrarono in possesso della signoria di Bard i Savoia, con Amedeo IV, spinti dalle insistenze degli abitanti della zona, stanchi dei soprusi di Ugo di Bard che, forte della posizione del suo castello, imponeva pesanti balzelli a viaggiatori e mercanti. Da quel momento, il castello dipenderà sempre dai Savoia, che vi instaureranno una guarnigione: nel 1661 vengono persino concentrate a Bard le armi provenienti dalle altre fortificazioni valdostane, tra cui Verrès e Montjovet. Il castello diventerà protagonista poi in occasione del passaggio dell’esercito francese nel 1704 e soprattutto dell’arrivo di Napoleone Bonaparte che, nel maggio del 1800, troverà asserragliato nel forte un esercito di difesa formato da 400 austriaci. Le strutture difensive del forte erano talmente efficaci che l’armata napoleonica impiegò circa due settimane per superarle, riuscendovi solo con l’astuzia. Il forte venne poi fatto smantellare da Napoleone, per evitare, in futuro, ulteriori problemi. Quello che vediamo oggi è il rifacimento voluto da Carlo Felice che, in piena Restaurazione, a partire dal 1830 ne fece una delle strutture militari più massicce in Valle d’Aosta. Alla fine dell’800 il forte si avviò al declino, utilizzato come bagno penale prima e come deposito di munizioni poi. Dismesso nel 1975 dal demanio militare, fu acquisito dalla regione Valle d’Aosta nel 1990 e completamente rinnovato nel 2006. Rimasto pressoché intatto dal momento della sua costruzione, il Forte di Bard rappresenta uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento di primo Ottocento. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy
📷 @sebastianmzh 📍 #Burano Una delle più famose leggende di Burano narra che un antico pescatore promesso sposo, durante un'uscita in mare verso l'oriente, venne tentato dal canto delle sirene. L'uomo resistendo ai loro incanti, ricevette un dono dalla regina, rimasta affascinata dalla fedeltà di costui. La sirena colpì con la coda il fianco della nave e dalla schiuma, creatasi dal movimento dell'acqua, formò il velo nuziale per la giovane sposa. Arrivato il giorno delle nozze, consegnò il dono alla sua fidanzata, la quale fu ammirata ed invidiata da tutte le giovani dell'isola e costoro cominciarono ad imitare il merletto del suo velo utilizzando ago e filo sempre più sottile, sperando così di creare un ricamo ancora più bello per il loro abito da sposa. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio ammirando altre splendide foto come questa, seguendo le community di @igvenezia & @igveneto_ Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il nostro hashtag ufficiale e taggate le vostre foto. ⠀ 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy #burano
Beautiful blue sky in laces
📷 @s_acco__ 📍 #BaiaDeiMergoli ⠀ Baia dei Mergoli, nel Gargano – Non c’è bisogno di andare alle Maldive, ai Caraibi o in altre località del mondo per poter trovare spiagge da sogno, l’Italia ne è ricca. Molte di queste sono raggiungibili a piedi altre solo via mare o attraverso sentieri impervi. Per giungere alla Baia dei Mergoli, nello splendido tipico paesino pugliese di Mattinata, nel Gargano, si possono percorrere alcuni sentieri che attraversano una parte di macchia mediterranea, composta da mandorleti, uliveti, fichi d’india e pinete, dove è possibile ammirare, se fortunati, anche il Falco pellegrino e il Corvo imperiale. Altra alternativa è quella di percorrere la scalinata panoramica mozzafiato dalla quale si gode una vista unica sui Faraglioni nel mare cristallino, Arco di Diomede o Le Forbici e la Finestrella dei sogni. Dalla spiaggia basta alzare la testa per rimanere abbagliati dalle bianche pareti rocciose che si riflettono nell’azzurro mare. Gli ospiti dell’Hotel Resort che sorge proprio sulle rocce che sovrastano la spiaggia possono, addirittura, accedervi con l’ascensore creato nella roccia. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy
📷 @harimaolee 📍#Milano ⠀ Sono i nuovi polmoni verdi nelle grandi città e coniugano creatività, innovazione e sostenibilità: sono i boschi verticali, che declinano in modo nuovo la tendenza all’uso dello spazio. Simbolo di un’architettura innovativa e sostenibile, che sia rispettosa dell’ambiente e che contribuisca a ridurre gli effetti devastanti dell’inquinamento e dell’antropizzazione, i boschi verticali sono edifici completamente ricoperti di arbusti e piante, situati nel bel mezzo dei centri urbani con la funzione di incrementare la biodiversità e contrastare la contaminazione industriale. Presenze importantissime in contesti in cui l’intensa urbanizzazione favorisce più la diffusione del cemento che degli spazi verdi. Progetti che rendono le città più belle, più vivibili e più attrattive, e che, di sicuro, favoriscono fortemente la pratica di un turismo sostenibile. Due sono i nomi degli architetti che si sino dedicati a queste “foreste urbane”: l’italiano Stefano Boeri  e il belga Vincent Callebaut. Il primo bosco verticale mai costruito si trova proprio nella capitale dell’industria italiana. Progettato da Boeri Studio, si tratta di un complesso residenziale formato da due torri e inaugurato nel 2014. Le facciate sono rivestite da oltre 2000 essenze arboree, che danno un risultato davvero spettacolare. Il Bosco Verticale di Milano, infatti, ha ricevuto diversi riconoscimenti, come l’International Highrise Award, ed è considerato il “grattacielo più bello e innovativo del mondo” dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #ig_italia_borghiecitta #italy
. ☀️ Bom dia Bom dia Bom diaaaaa, hoje eu estou muito feliz, felizzz! 😂😂 pegando emprestado o jargão da @marisaad .. uma linda que está conquistando os seus sonhos com muito trabalho e dedicação! . . . ☀️ Ela não é uma blogueira de produzir vídeos todos os dias, como uma fábrica de vídeos... mas quando ela publica, sempre tem uma msg super especial! . . . ☀️ Me emocionei com o último, onde ela mostra o trabalho em equipe na montagem do seu novo escritório e tenho uma coisa para dizer MULHER, nós somos guerreiras em tudo que fazemos! Nunca se arrependa de acordar todos os dias para produzir vídeos! Eles são cansativos, sim, podem ser.. só quem vive essa vida tumultuada de construção de conteúdo para mídias sociais sabe como é a rotina... muitas vezes, a gente abdica o nosso lazer e descanso para fazer o MELHOR para o LEITOR. 💕 . . . ☀️ Sou carioca e sua fã! Gostaria muito de conhecer pessoas como você, pessoalmente! 🎉 . . ☀️ Para quem não sabe quem é Mariana Saad, ela é maquiadora profissional, menina sapeca, cheia de planos e com um carisma enorme! Procurem ela no YouTube! . . . . . . . #rodepelomundo #fantasticview #revistaveja #revistaviajar #revistaqualviagem #photooftheday #viajarfazbem #amoviajar #doyoutravel #tourpelomundo #viagemeturismo #2017bestnine #bestnine2017 #essemundoenosso #QueroViajarMais #destinosesonhos #destinosimperdiveis #beautifuldestinations #greatesttravels #braroundtheworld #missãoVT #viagemeturismo #viagemperfeita #tripadvisor #blogmochilando #revistaadv #sourbbv #bestplacestogo #luxuryworldtraveler #phiphiisland
📷 @neeyeoh 📍#positano ⠀ Il nome Positano ha un’origine affascinante legata alla leggenda della Madonna Assunta. Si narra che nel medioevo un veliero che navigava lungo la costa si fosse fermato a causa di una improvvisa bonaccia proprio di fronte alla spiaggia di Positano. I marinai tentarono con tutta la loro esperienza di far ripartire la nave, ma i loro sforzi risultarono vani a causa della mancanza di vento. A quel punto udirono una voce proveniente  da un’icona bizantina della Madonna Assunta che trasportavano a bordo e che diceva “posa, posa, posa,…”, cioè fermati in quel posto (da cui il nome) . Il capitano interpretò il miracolo come la manifestazione della volontà della Madonna di restare in quelle terre ed ordinò ai suoi uomini di fermarsi; subito dopo il vento tornò a soffiare e così poterono dirigersi verso la spiaggia di Positano. Lí consegnarono l’icona ai Positanesi, che accolsero il dono con grande gioia edificando una chiesa nei pressi della spiaggia, nel punto in cui l’icona della Madonna Assunta si era prodigiosamente spostata da sola nel cuore della notte. Infine una curiosità, al largo di Positano i tre isolotti de Li Galli furono detti "le Sirenuse" per le leggende che li circondavano come rifugio delle sirene incantatrici. 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy #positano
19th Century Perspective.
📷 @ournextflight 📍#Venezia ⠀ Buongiorno ragazzi, i tre palazzi che compongono l'albergo risalgono al 14°, 19° e 20° secolo: Palazzo Dandolo in stile gotico veneziano, un tempo dimora della nobile famiglia Dandolo; Palazzo Casa Nuova, in precedenza tesoro della città; e Palazzo Danieli Excelsior, ridisegnato da Jacques Garcia, e dotato di camere con balconi che si affacciano sulla laguna sui suoi piani superiori. L'intreccio di questi tre palazzi ospita una ricca collezione di arte e di antiquariato prezioso rimangono a testimonianza della storia dell'hotel e della città. Abilmente combinati con comfort moderni, per soddisfare le esigenze e le aspettative dei sofisticati e colti viaggiatori del mondo. I Committenti furono i Dandolo, nobile famiglia veneziana che vantava ben quattro Dogi nel suo albero genealogico. All'epoca il palazzo emerse dalle cronache come uno tra i più sfarzosi e riccamente decorati palazzi della città, sede di un'intensa vita mondana. Nel 1822 Giuseppe Dal Niel, soprannominato "Danieli", prese in affitto il secondo piano del Palazzo Dandolo, trasformandolo in hotel. Luogo straordinario di incontri e centro cosmopolita, venne sottoposto ad un accurato e radicale restauro. Nel 1895 l'hotel cambia nuovamente proprietario e subisce un nuovo restauro. Il palazzo adiacente a Palazzo Dandolo viene inoltre annesso all'hotel e collegato tramite uno stupendo ponte sospeso tra i due piani. Il 17 marzo del 1906 la Compagnia Italiana Grandi Alberghi entra in possesso dell'Hotel Royal Danieli. I lavori di restauro vengono curati dal noto architetto Francesco Marsich. Tra i 1946 ed il 1948 ha luogo l'ultimo intervento strutturale che porterà l'Hotel Danieli all'attuale assetto. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #ig_italia_borghiecitta #italy
🐢🌴🐠
Lost in paradise! #fiji #beach
What a blessing to enjoy this view taking off from beautiful Bali this morning. Бали радует потрясающими видами на вылете. #bali #takingoff #blessing #qatarairways #balivolcano #mountagung #enjoythejourney #enjoytheview #beautifulplanett #ignite #inspiration
Quem você levaria para uma ilha deserta?🤔💙👌 ⠀ . Em San Blás, não faltam ilhas paradisíacas como esta para você curtir a dois ou em família ou com amigos!! Afinal, são cerca de 365 ilhas neste arquipélago panamenho... 1 diferente para cada dia do ano!!! Que tal?? ⠀ . Administrado pelos índios Kuna, San Blás é uma região autônoma no Caribe do Panamá, pertinho da Colômbia... um verdadeiro paraíso que pode ser visitado a partir da Cidade do Panamá num passeio daytrip ou dormindo nas ilhas. ⠀ . Nós ficamos 4 dias e tem várias dicas na tag #apaixonadosporviagenspanama18 ⠀ . #ApaixonadosPorViagensCaribe18 #Panama #visitPanama #QueroViajarMais #wonderful_places #destinosesonhos #vocenooff #destinosimperdiveis #sobrelugares #euvounajanela #beautifuldestinations #beautifulplanett #greatesttravels #revistaqualviagem #braroundtheworld #missãoVT #viagemeturismo #amazingdestination #tripadvisor #dicasdeviagem #viagemestadao #revistaadv #sourbbv #revistaviajar #bestplacestogo #mundomeiodia
Positive Morning Energy Finally Fabulous and Fine Friday. High Vibe Tribe... Keep them around. #highvibetribe #friday #positivevibes #beautifulplanett #vitaminsea
next page →