#lipari

208,036 posts

Loading...
La foto completa sul profilo⚓️ Scena di vita quotidiana a Lipari, tra piazza Santonofrio e la chiesa di San Giuseppe Nel 1952, grazie ai film interpretati pochi anni prima da Ingrid Bergman ed Anna Magnani le isole si erano aperte al mondo, dopo secoli di emarginazione e stenti. "Negli ultimi tempi, contemporaneamente alla celebrità assunta come ambiente naturale per film internazionali - scriveva Callegari - le isole Eolie sono diventate note in tutta Europa come l'arcipelago ideale per la pesca subacquea: è forse questa la plaga più pescosa del Mediterraneo, la più variata come specie ittiologiche e la più divertente come configurazione dei fondali. A pescare da queste parti ci venivano gli aristocratici di palermo, capeggiati da Lanza di Trabia e da Alliata; e qualche volta buttavano ancora ( parlo di tre anni fa ) i panfili francesi, belgi e perfino danesi che correvano in cerca di sole nel Mediterraneo meridionale. Il re qui era allora il tenente Bucher, un pilota fiumano dell'aeroporto di Capodichino, che era ed è il campione mondiale di immersione a corpo libero: Bucher andava a trenta e più metri sott'acqua con il suo fucile e riportava infilati alla sua cartuccia-spiedo dei pesci enormi che agli isolani non facevano alcuna impressione. Per la verità il pesce a questa gente non fa né impressione né voglia; è un poco come i fichi d'India in Sicilia. Le famiglie povere lo mangiano tutto l'anno prendendolo senza fatica e senza spesa, anzi lasciando l'incarico di procurarlo ai ragazzi di casa. Si butta una nassa in mare con pochi avanzi di cucina e si ritira il giorno dopo con dentro due o tre aragoste. Nessuno degli abitanti di Stromboli o di Panarea riuscirà mai ad immaginare cosa costa in continente un'aragosta; una volta ne ho avute tre per un pacchetto di sigarette e sono stato ringraziato...". Foto: Federico Patellani 1952 #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie #grids #gridstyle #fullpictureonprofile
La foto completa sul profilo⚓️ Scena di vita quotidiana a Lipari, tra piazza Santonofrio e la chiesa di San Giuseppe Nel 1952, grazie ai film interpretati pochi anni prima da Ingrid Bergman ed Anna Magnani le isole si erano aperte al mondo, dopo secoli di emarginazione e stenti. "Negli ultimi tempi, contemporaneamente alla celebrità assunta come ambiente naturale per film internazionali - scriveva Callegari - le isole Eolie sono diventate note in tutta Europa come l'arcipelago ideale per la pesca subacquea: è forse questa la plaga più pescosa del Mediterraneo, la più variata come specie ittiologiche e la più divertente come configurazione dei fondali. A pescare da queste parti ci venivano gli aristocratici di palermo, capeggiati da Lanza di Trabia e da Alliata; e qualche volta buttavano ancora ( parlo di tre anni fa ) i panfili francesi, belgi e perfino danesi che correvano in cerca di sole nel Mediterraneo meridionale. Il re qui era allora il tenente Bucher, un pilota fiumano dell'aeroporto di Capodichino, che era ed è il campione mondiale di immersione a corpo libero: Bucher andava a trenta e più metri sott'acqua con il suo fucile e riportava infilati alla sua cartuccia-spiedo dei pesci enormi che agli isolani non facevano alcuna impressione. Per la verità il pesce a questa gente non fa né impressione né voglia; è un poco come i fichi d'India in Sicilia. Le famiglie povere lo mangiano tutto l'anno prendendolo senza fatica e senza spesa, anzi lasciando l'incarico di procurarlo ai ragazzi di casa. Si butta una nassa in mare con pochi avanzi di cucina e si ritira il giorno dopo con dentro due o tre aragoste. Nessuno degli abitanti di Stromboli o di Panarea riuscirà mai ad immaginare cosa costa in continente un'aragosta; una volta ne ho avute tre per un pacchetto di sigarette e sono stato ringraziato...". Foto: Federico Patellani 1952 #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie #grids #gridstyle #fullpictureonprofile
La foto completa sul profilo⚓️ Scena di vita quotidiana a Lipari, tra piazza Santonofrio e la chiesa di San Giuseppe Nel 1952, grazie ai film interpretati pochi anni prima da Ingrid Bergman ed Anna Magnani le isole si erano aperte al mondo, dopo secoli di emarginazione e stenti. "Negli ultimi tempi, contemporaneamente alla celebrità assunta come ambiente naturale per film internazionali - scriveva Callegari - le isole Eolie sono diventate note in tutta Europa come l'arcipelago ideale per la pesca subacquea: è forse questa la plaga più pescosa del Mediterraneo, la più variata come specie ittiologiche e la più divertente come configurazione dei fondali. A pescare da queste parti ci venivano gli aristocratici di palermo, capeggiati da Lanza di Trabia e da Alliata; e qualche volta buttavano ancora ( parlo di tre anni fa ) i panfili francesi, belgi e perfino danesi che correvano in cerca di sole nel Mediterraneo meridionale. Il re qui era allora il tenente Bucher, un pilota fiumano dell'aeroporto di Capodichino, che era ed è il campione mondiale di immersione a corpo libero: Bucher andava a trenta e più metri sott'acqua con il suo fucile e riportava infilati alla sua cartuccia-spiedo dei pesci enormi che agli isolani non facevano alcuna impressione. Per la verità il pesce a questa gente non fa né impressione né voglia; è un poco come i fichi d'India in Sicilia. Le famiglie povere lo mangiano tutto l'anno prendendolo senza fatica e senza spesa, anzi lasciando l'incarico di procurarlo ai ragazzi di casa. Si butta una nassa in mare con pochi avanzi di cucina e si ritira il giorno dopo con dentro due o tre aragoste. Nessuno degli abitanti di Stromboli o di Panarea riuscirà mai ad immaginare cosa costa in continente un'aragosta; una volta ne ho avute tre per un pacchetto di sigarette e sono stato ringraziato...". Foto: Federico Patellani 1952 #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie #grids #gridstyle #fullpictureonprofile
La foto completa sul profilo⚓️ Scena di vita quotidiana a Lipari, tra piazza Santonofrio e la chiesa di San Giuseppe Nel 1952, grazie ai film interpretati pochi anni prima da Ingrid Bergman ed Anna Magnani le isole si erano aperte al mondo, dopo secoli di emarginazione e stenti. "Negli ultimi tempi, contemporaneamente alla celebrità assunta come ambiente naturale per film internazionali - scriveva Callegari - le isole Eolie sono diventate note in tutta Europa come l'arcipelago ideale per la pesca subacquea: è forse questa la plaga più pescosa del Mediterraneo, la più variata come specie ittiologiche e la più divertente come configurazione dei fondali. A pescare da queste parti ci venivano gli aristocratici di palermo, capeggiati da Lanza di Trabia e da Alliata; e qualche volta buttavano ancora ( parlo di tre anni fa ) i panfili francesi, belgi e perfino danesi che correvano in cerca di sole nel Mediterraneo meridionale. Il re qui era allora il tenente Bucher, un pilota fiumano dell'aeroporto di Capodichino, che era ed è il campione mondiale di immersione a corpo libero: Bucher andava a trenta e più metri sott'acqua con il suo fucile e riportava infilati alla sua cartuccia-spiedo dei pesci enormi che agli isolani non facevano alcuna impressione. Per la verità il pesce a questa gente non fa né impressione né voglia; è un poco come i fichi d'India in Sicilia. Le famiglie povere lo mangiano tutto l'anno prendendolo senza fatica e senza spesa, anzi lasciando l'incarico di procurarlo ai ragazzi di casa. Si butta una nassa in mare con pochi avanzi di cucina e si ritira il giorno dopo con dentro due o tre aragoste. Nessuno degli abitanti di Stromboli o di Panarea riuscirà mai ad immaginare cosa costa in continente un'aragosta; una volta ne ho avute tre per un pacchetto di sigarette e sono stato ringraziato...". Foto: Federico Patellani 1952 #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie #grids #gridstyle #fullpictureonprofile
La foto completa sul profilo⚓️ Scena di vita quotidiana a Lipari, tra piazza Santonofrio e la chiesa di San Giuseppe Nel 1952, grazie ai film interpretati pochi anni prima da Ingrid Bergman ed Anna Magnani le isole si erano aperte al mondo, dopo secoli di emarginazione e stenti. "Negli ultimi tempi, contemporaneamente alla celebrità assunta come ambiente naturale per film internazionali - scriveva Callegari - le isole Eolie sono diventate note in tutta Europa come l'arcipelago ideale per la pesca subacquea: è forse questa la plaga più pescosa del Mediterraneo, la più variata come specie ittiologiche e la più divertente come configurazione dei fondali. A pescare da queste parti ci venivano gli aristocratici di palermo, capeggiati da Lanza di Trabia e da Alliata; e qualche volta buttavano ancora ( parlo di tre anni fa ) i panfili francesi, belgi e perfino danesi che correvano in cerca di sole nel Mediterraneo meridionale. Il re qui era allora il tenente Bucher, un pilota fiumano dell'aeroporto di Capodichino, che era ed è il campione mondiale di immersione a corpo libero: Bucher andava a trenta e più metri sott'acqua con il suo fucile e riportava infilati alla sua cartuccia-spiedo dei pesci enormi che agli isolani non facevano alcuna impressione. Per la verità il pesce a questa gente non fa né impressione né voglia; è un poco come i fichi d'India in Sicilia. Le famiglie povere lo mangiano tutto l'anno prendendolo senza fatica e senza spesa, anzi lasciando l'incarico di procurarlo ai ragazzi di casa. Si butta una nassa in mare con pochi avanzi di cucina e si ritira il giorno dopo con dentro due o tre aragoste. Nessuno degli abitanti di Stromboli o di Panarea riuscirà mai ad immaginare cosa costa in continente un'aragosta; una volta ne ho avute tre per un pacchetto di sigarette e sono stato ringraziato...". Foto: Federico Patellani 1952 #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie #grids #gridstyle #fullpictureonprofile
La foto completa sul profilo⚓️ Scena di vita quotidiana a Lipari, tra piazza Santonofrio e la chiesa di San Giuseppe Nel 1952, grazie ai film interpretati pochi anni prima da Ingrid Bergman ed Anna Magnani le isole si erano aperte al mondo, dopo secoli di emarginazione e stenti. "Negli ultimi tempi, contemporaneamente alla celebrità assunta come ambiente naturale per film internazionali - scriveva Callegari - le isole Eolie sono diventate note in tutta Europa come l'arcipelago ideale per la pesca subacquea: è forse questa la plaga più pescosa del Mediterraneo, la più variata come specie ittiologiche e la più divertente come configurazione dei fondali. A pescare da queste parti ci venivano gli aristocratici di palermo, capeggiati da Lanza di Trabia e da Alliata; e qualche volta buttavano ancora ( parlo di tre anni fa ) i panfili francesi, belgi e perfino danesi che correvano in cerca di sole nel Mediterraneo meridionale. Il re qui era allora il tenente Bucher, un pilota fiumano dell'aeroporto di Capodichino, che era ed è il campione mondiale di immersione a corpo libero: Bucher andava a trenta e più metri sott'acqua con il suo fucile e riportava infilati alla sua cartuccia-spiedo dei pesci enormi che agli isolani non facevano alcuna impressione. Per la verità il pesce a questa gente non fa né impressione né voglia; è un poco come i fichi d'India in Sicilia. Le famiglie povere lo mangiano tutto l'anno prendendolo senza fatica e senza spesa, anzi lasciando l'incarico di procurarlo ai ragazzi di casa. Si butta una nassa in mare con pochi avanzi di cucina e si ritira il giorno dopo con dentro due o tre aragoste. Nessuno degli abitanti di Stromboli o di Panarea riuscirà mai ad immaginare cosa costa in continente un'aragosta; una volta ne ho avute tre per un pacchetto di sigarette e sono stato ringraziato...". Foto: Federico Patellani 1952 #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie #grids #gridstyle #fullpictureonprofile
This morning before rain in #canneto bay in #Lipari #panarea and #stromboli in the back #Sicily #vulcanoconsult #realestate
Volcano with a view
"Il sole estivo rende abbacinante questo mosaico di piccoli cubi contro l'azzurro cupo del mare. Molte delle porte di Stromboli sono sprangate, e le case disabitate; dall'inizio del secolo la popolazione dell'isola si è ridotta, da 5.000 a 500 abitanti. L'Australia, la Nuova Zelanda, gli Stati Uniti sono i paesi di emigrazione degli stromboliani, lontano dalla loro terra perennemente ballerina. La maggiore percentuale della corrispondenza smistata all'ufficio postale di Stromboli giunge o è destinata oltre oceano. Le case bianche, i tabernacoli, qualche mulino a vento, i fichidindia, Strombolicchio, la lava costituiscono gli elementi ricorrenti dello scarno paesaggio dell'isola" Era il 1960 quando il fotografo bolognese Alfredo Camisa http://www.alfredocamisa.it commentò così in una didascalia le fotografie scattate a Stromboli e pubblicate nel volume "Lo Stretto di Messina e le Eolie", edito da Editrice dell'Automobile per la collana "Italia nostra". Ancora lontana dagli sbarchi estivi in massa dei turisti, in quegli scatti Stromboli appare un luogo in cui l'uomo deve completamente adattarsi alla natura aspra e alla forza incontrollabile del vulcano e dello scarno paesaggio dell’isola” #lesettesorelle #lastoriadelleeolie #eoloracconta #viaggiatorialleeolie #leisolelipari #isoleeolie #isolelipari #aeolianislands #alicudi #filicudi #salina #lipari #vulcano #panarea #stromboli #lesetteperle #lastoriadelleeolie
🌬 Respira questa Libertà! 🗻🐚🐬🌋 #osservatorio #Lipari #isole #vento #relax #photo #sicily #isoleeolie
L'uomo è ossessionato dalla dimensione dell'eternità e per questo si chiede: – Le mie azioni riecheggieranno nei secoli a venire? Gli altri, in gran parte, sentono pronunciare i nostri nomi quando siamo già morti da tempo e si chiedono chi siamo stati, con quanto valore ci siamo battuti, con quanto ardore abbiamo amato. #vulcano #sea #horizon #eolie #isola #ig_sicilia #ig_italia #iger_italia #lovesicily
Fra #Lipari e #Vulcano ......incontri#summer2018
next page →